Il Mare

La Spiaggia di San Felice Circeo fa parte del Parco Nazionale del Circeo, istituito nel 1934. Si tratta di una bella spiaggia di soffice sabbia dorata sotto lo sguardo del promontorio del Circeo. Il litorale è ampio e lungo ed alterna tratti bassi e sabbiosi a tratti più alti e rocciosi, orlato da una rigogliosa macchia mediterranea, palme nane e stabilimenti turistici.


Il Circeo ha conservato intatto il suo patrimonio naturalistico e il suo mare, che ? considerato tra i più limpidi d'Italia. Oltre alla trasparenza delle sue acque, resta incontaminato il prezioso patrimonio costituito dalla flora e dalla fauna marina. Il grande tappeto di alghe posidonie, che rivelano un alto grado di equilibrio ecologico, fa da corona a coste rocciose di rara bellezza e a spiagge di sabbia finissima. Il litorale che va da La Conchiglia a Golfo Sereno rappresenta un'altra attrattiva di quella terra di Circe: spiagge attrezzate si susseguono per circa tre chilometri offrendo ogni confort agli ospiti di tutte le età. Sono spiagge vivibili tutto il giorno e molte anche di notte per più mesi all'anno.

La "parte migliore" del promontorio è invece costituita dal suo versante costiero, su cui si aprono numerose cavità naturali, molte delle quali pressoché sconosciute alla gran parte dei turisti, vista l'impossibilità di raggiungerle via terra. Le Grotte rappresentano una testimonianza fondamentale nell'evoluzione del territorio pontino. Famosa è la Grotta delle Capre composta da un vano semicircolare che raggiunge un'ampiezza di circa 40 metri e una volta a cupola alta 13 metri. Al suo interno sono presenti dei cunicoli secondari, ciechi, con tracce di carsismo ancora attivo. Nel paleosuolo sono state trovate tracce diverse, che ricoprono un intervallo di millenni. Il reperto più spettacolare che la grotta conserva è il "solco di battigia" fossile, costituito da migliaia di fori di litodomi, che segnano un livello del mare superioredi nove metri e mezzo rispetto al livello attuale. La grotta è accessibile sia da mare che da terra. Nei suoi pressi s'incontra una comoda area picnic.

Altra grotta di rilievo è Grotta del Fossellone abitata per un lunghissimo periodo prima dall'Uomo di Neanderthal, poi dall'Uomo Sapiens. Nella grotta sono stati ritrovati raschiatoi, lame lavorate, punte di osso e zagaglie a doppia punta. La grotta più importante in assuluto è la Grotta di Guattari dove nel febbraio del 1939 fu rinvenuto il famoso cranio dell'Uomo di Neanxerthal, che ha fatto di questa grotta il santuario della preistoria italiana.

Uno degli approdi turistici più appetibili della costa laziale è il Porto del Circeo, con i suoi 330 posti barca dista pochi minuti dal Centro storico.consigliabile una passeggiata rilassante lungo i due moli, quello di sopraflutto lungo 580 metri e quello di sottofluttoche di metri ne misura 215. Il piazzale Enrico Fabrizi e Via Bergami i si caratterizzano per i loro esercizi commerciali, i ristoranti, le pizzerie e per gli uffici di yach-broker. Un sito di particolare interesse per i sub è il fondale della Secchitella, a un miglio del molo grande, dove il 25 Aprile del 1992 fu ancorata, a 18 metri di profondità, una statua bronzea del Cristo del Circeo ad altezza d'uomo.